Tentazioni

Sono convinta che non avere tentazioni sia una grande grazia.

Flannery O’Connor, Sola a presidiare la fortezza

Pubblicato in Altri testi | Lascia un commento

Essere felici

Non esiste alcun dovere della vita,
vi è solo il dovere dell’essere felici.
Per questo solo, noi siamo al mondo,
e con tutti i doveri
e con tutta la morale
e con tutti i comandamenti
difficilmente ci si rende felici l’un l’altro,
perché non si rende felici se stessi.

Se l’uomo può essere buono,
lo può essere solo
se egli è felice,
se egli ha in se stesso armonia,
quindi se egli ama.
Questo è stato l’insegnamento,
il solo insegnamento del mondo;
Questo diceva Gesù,
questo diceva Budda,
questo diceva Hegel.

Per ognuno l’unica cosa importante al mondo è:
la propria interiorità
la propria anima
la propria capacità di amare.
Se queste sono in ordine
si possono mangiare miglio o dolci,
portare stracci o gioielli.
Allora il mondo risuonerà chiaramente con l’anima,
tutto è buono,
tutto è in ordine.

Hermann Hesse

Pubblicato in Altri testi, Poesie | Lascia un commento

Se la vita…

Se la vita ci piace, essendo anco la morte di mano d’un medesimo maestro, quella non ci doverebbe dispiacere.

Michelangelo

Pubblicato in Altri testi | Lascia un commento

Sogni

Ho steso i miei sogni ai tuoi piedi,

cammina piano, perché é sui miei sogni che cammini.

W.B.Yeats

Pubblicato in Altri testi | Lascia un commento

Allora cosa accadrebbe?

❝ Ma se io dovessi scoprire che il più piccolo di tutti, il più povero di tutti i mendicanti, il più sfacciato degli offensori, il nemico stesso, è in me, che sono io stesso ad aver bisogno dell’elemosina della mia bontà, che io stesso sono il nemico da amare, allora che cosa accadrebbe? ❞

C.G. Jung, Psicologia e Religione

Pubblicato in Altri testi, L'Ombra | Lascia un commento

Quando cala il sipario

Ogni cosa si sfalderà. Questo vale per i nostri corpi, per le nostre relazioni e per ogni cosa al mondo. E accade ogni momento, non solo alla fine, quando cala il sipario. Unirsi significa inevitabilmente separarsi. Però non preoccupatevi: questa è la natura della vita.

Le nostre esistenze non sono solide e fisse. Conoscere intimamente questa verità è prepararsi alla morte, alla perdita e ad abbracciare pienamente il cambiamento costante. Non siamo il nostro passato: siamo in divenire. Possiamo lasciar perdere i rancori, possiamo perdonare. Prima di morire, possiamo liberarci del risentimento e del rammarico.

Non aspettiamo. Ogni cosa di cui abbiamo bisogno sta di fronte a noi. L’impermanenza è la porta delle possibilità. Là dove l’abbracciamo, c’è la libertà.

Frank Ostaseski, Cinque inviti

Pubblicato in Altri testi | Contrassegnato , | Lascia un commento

Cambiamento

La verità della vita è il suo costante cambiamento. Guardando bene, che altro c’è?

Frank Ostaseski, Cinque inviti

Pubblicato in Altri testi | Lascia un commento

Un lavoro duro

Non ho una visione romantica della morte. Morire è un lavoro duro. Forse il più duro di tutta la nostra vita.Non sempre procede bene. Può essere triste, crudele, confuso, meraviglioso, misterioso. Tutto questo è normale. Tutti ci passeremo.

Nessuno di noi uscirà vivo da qui.

Frank Ostaseski, Cinque inviti

Pubblicato in Altri testi | Contrassegnato | Lascia un commento

Imparare dai drammi

Coloro che non imparano niente dai fatti sgradevoli della propria vita costringono la coscienza cosmica a riprodurli tante volte quanto sarà necessario per imparare ciò che insegna il dramma che è accaduto.

C.G.Jung

Pubblicato in Altri testi | Lascia un commento

Giudicare

“…
Giudicare, in fondo, ha uno scopo principale: mettere in una posizione di dominanza, qualcosa o qualcuno. A volte giudichiamo gli altri per sentirci al sicuro. Altre volte giudichiamo noi stessi perché non siamo stati capaci di metterci al sicuro. E il luogo della sicurezza è sempre lo stesso. Nel giudizio il luogo della sicurezza è la perfezione e non l’umanità. La mutevole, imprevedibile, bellezza della nostra umanità che rende tutte le nostre fratture un luogo da cui filtra la luce. Che rende i nostri difetti le nostre aule di apprendimento. Che rende il dolore la nostra area prossimale di sviluppo. Perché nel giudizio tutto si ferma; nella vita tutto si muove. Tutto si muove da dentro.”

Nicoletta Cinotti

Pubblicato in Altri testi | Contrassegnato , | Lascia un commento