Diventare vittime

La mia personale ricerca della libertà e i miei anni di esperienza come psicologa clinica autorizzata mi hanno insegnato che la sofferenza è universale. Sentirsi vittime, invece, è facoltativo. C’è una differenza tra essere vittime e sentirsi vittime. È probabile che ci troveremo tutti nella condizione di vittime, in un modo o nell’altro, nel corso della nostra vita. Prima o poi subiamo qualche forma di afflizione o calamità o abuso, causata dalle circostanze o dagli altri o dalle istituzioni, per qualcosa su cui abbiamo un controllo limitato o inesistente. Questa è la vita. E questo è essere vittime. È qualcosa che proviene dall’esterno. È il vicino di casa prepotente, il capo che si arrabbia, il marito violento, l’amante che tradisce, la legge discriminatoria, l’incidente che vi manda in ospedale.

Per contro, sentirsi vittime è una condizione che viene da dentro. Soltanto voi potete fare di voi stessi una vittima. Diventiamo vittime non per qualcosa che ci succede, ma quando scegliamo di aggrapparci al nostro vittimismo. Sviluppiamo una mentalità da vittima, un modo di pensare e di essere rigido, colpevolizzante, pessimista, bloccato nel passato, inflessibile, punitivo e senza sani limiti o confini. Diventiamo i carcerieri di noi stessi quando scegliamo di rimanere entro i confini della mentalità da vittima.

Edith Eva Eger, La scelta di Edith

Questa voce è stata pubblicata in Altri testi, psicologia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...