La spinta a comperare

Ti è capitato di vagare da una pagina all’altra del tuo telefono oppure sfogliando riviste? C’è una qualità leggera in quel vagare che dopo poco tempo si trasforma, per me, in una noia irrequieta e in un senso sottile di ansia.
..
La nostra mente non lo sa ancora che viviamo in uno stato di iper-stimolazione continua, né che, non essendo più uomini primitivi, la mancanza non è un pericolo ma uno stato fruttuoso. Non sa nemmeno che lo stato di attenzione libera è alla base della vendita di oggetti. Perchè in quel momento se la nostra attenzione si ferma su un oggetto che ci piace, la spinta è a comprarlo. È una spinta che nasce dal desiderio della mente di fermare il vagare. Di riempire il vuoto e la sensazione di mancanza: è una sensazione fittizia alimentata dal nostro vagare. Solo che per la mente è pericolosa. La mente desidera poter dire “Ho trovato quello che cercavo”. 

Nicoletta Cinotti

Questa voce è stata pubblicata in Altri testi e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...