Come rispondiamo al dolore

Così, quasi senza accorgermene mi sono trovata sempre più nel main stream di un approccio contemplativo alla psicoterapia. Non significa che non cerchiamo soluzioni: significa che comprendere come funzioniamo diventa la base dalla quale far scaturire le risposte. Significa anche scendere a patti con la realtà, che non è perfetta, e, spesso, dietro al dolore, sta un mistero imperscrutabile e irrimediabile.

Comprendere l’inevitabilità della sofferenza come elemento della vita, ci toglie dall’illusione che, se saremo perfetti non soffriremo mai. Ci restituisce la consapevolezza che, piuttosto, la differenza sta in come rispondiamo al dolore e non nella pretesa che, nella nostra vita, siccome siamo belli, bravi e buoni, non ci sia mai alcun dolore. Capire come funzioniamo elimina, senza sforzo, molti dei nostri sintomi. E molte delle nostre pretese.

Nicoletta Cinotti

Questa voce è stata pubblicata in Altri testi e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...