Dirompente, travolgente e insensata

Questa storia di illuminazione e progresso, per quanto possa lusingare le nostre capacità razionali e le nostre sensibilità pagane, sorvola di proposito su un fatto indiscutibile: il sesso non è cosa da cui ci si può aspettare di emanciparsi facilmente. Il fatto che per migliaia di anni sia stato capace di suscitare turbamento non è affatto casuale: le imposizioni e le repressioni religiose e i tabù sociali sono nati da aspetti della nostra natura che non possiamo accantonare alla leggera.

Il sesso ci ha creato problemi perché è fondamentalmente una forza dirompente, travolgente e insensata, in forte contrasto con la maggior parte delle nostre ambizioni e del tutto refrattaria a una prudente integrazione nella società civile. Nonostante si tenti in ogni modo di purificarlo dalle sue peculiarità, il sesso non sarà mai semplice o «perbene» come lo vorremmo. Non è qualcosa di fondamentalmente democratico o benigno; è venato di crudeltà e trasgressione, e dal desiderio di soggiogare e umiliare. Si rifiuta di culminare nell’amore, come dovrebbe. Anche se cerchiamo di domarlo, ha la tendenza ricorrente a portare scompiglio nelle nostre vite: ci spinge a disintegrare le nostre relazioni, minaccia la nostra produttività e ci costringe a fare tardi in locali notturni parlando con persone che non stimiamo, ma di cui desideriamo fortemente toccare l’ombelico scoperto.

Il sesso continua a rappresentare un conflitto assurdo e forse irrisolvibile con alcuni dei nostri valori più elevati e con gli impegni che ci siamo assunti. Non deve stupire quindi che l’unica possibilità sia reprimerne quasi sempre le urgenze. Dovremmo accettare che il sesso è qualcosa di intrinsecamente anomalo, invece di rimproverarci perché siamo incapaci di reagire in maniera più normale ai suoi impulsi disorientanti. Questo non vuol dire che non possiamo imparare a comportarci in maniera più saggia in ambito sessuale.

Dovremmo semplicemente prendere atto che non riusciremo mai a superare del tutto le difficoltà che il sesso ci costringe ad affrontare. Possiamo soltanto sperare di trovare un compromesso rispettoso con la sua energia anarchica e sconsiderata.

Alain de Botton, Come pensare (di più) il sesso

sesso

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Altri testi e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...