Chiunque tu sia…

Chiunque tu sia, che passi qui accanto
sappi che mio padre era mite,
e mia madre violenta,
e che sono nato dalla somma di due metà contrastanti,
non amalgamate e fuse,
ma ciascuna distinta, saldate insieme debolmente.
Qualcuno di voi mi giudicò mite,
altri violento,
altri l’una e l’altra cosa.
Ma nessuna delle mie metà causò la mia rovina.
Fu il distacco delle due metà,
l’una mai parte dell’altra,
che mi ridusse un’anima senza vita.

Edgar Lee Masters

Questa voce è stata pubblicata in Altri testi, Poesie e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...