*Potere carismatico

Di seguito vengono riportate alcune definizioni prese dal libro Economia e società di Max Weber (1864-1920) .

Weber parla del potere carismatico come di un potere rivoluzionario, che è l’opposto di quello burocratico così come di ogni economia ordinata, tanto che “i portatori del carisma – il signore come i discepoli ed i seguaci – debbono, per assolvere alla loro missione, stare al di fuori dei vincoli di questo mondo, cioè al di fuori delle professioni e dei doveri familiari di carattere quotidiano… il celibato del sacerdote e del cavaliere dell’ordine, il celibato di fatto di numerosi portatori di un carisma profetico o artificiale costituiscono l’espressione dell’inevitabile ‘allontanamento dal mondo’ di coloro che hanno una parte (‘cleros’) al carisma.”

Egli aggiunge, parlando del carisma “puro”, che per mantenere la sua autorità, il portatore di carisma deve continuamente provare la sua forza attraverso i miracoli, se è un profeta e attraverso le sue azioni eroiche, se è un condottiero, ma “soprattutto la sua missione divina deve ‘essere provata’ in base al fatto che giova a coloro che si dànno a lui con fede. Altrimenti è chiaro che egli non è il signore inviato dagli dei.” Di conseguenza il potere carismatico è molto labile, il carisma si può perdere, il messaggio si può estinguere e i seguaci in questo caso se ne se ne andrebbero.

La creazione di un potere carismatico “puro” nasce da situazioni esterne inusuali, politiche o economiche, o da particolari contesti interiori, spesso religiosi, o da entrambe, in ogni caso “essa deriva dall’eccitazione comune di un gruppo di uomini, sorta da qualcosa di straordinario, e dalla dedizione all’eroismo, qualsiasi contenuto esso abbia.” Ma tutto ciò è vero e la potenza è intatta solo allo statu nascendi, per esempio all’inizio della formazione di un movimento sociale. Questo potere viene infatti spezzato e cambiato dall’entrata nella vita quotidiana e dal desiderio di rendere stabile qualcosa che è stato straordinario e transitorio.

Weber aggiunge: “Sia che dal seguito carismatico di un eroe guerriero nasca uno stato, oppure che dalla comunità carismatica di un profeta, di un artista, di un filosofo, di un innovatore etico o scientifico nasca una chiesa, una setta, un’accademia, una scuola, oppure che da un seguito guidato carismaticamente, che persegue un’idea di civiltà, nasca un partito o anche soltanto un apparato di giornali e di riviste – sempre la forma di esistenza del carisma è affidata alle condizioni della vita quotidiana e alle potenze che la dominano, cioè soprattutto agli interessi economici.” Il messaggio diventa così, di volta in volta, “dogma, dottrina, teoria, o regolamento o legislazione o contenuto di una tradizione che si pietrifica. Specialmente la compenetrazione di carisma e di tradizione, cioè di due potenze che sono radicalmente estranee e ostili, costituisce qui un fenomeno regolare.”

Questa voce è stata pubblicata in Glossarietto e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...